NOTIZIE

L'allevamento Lucky è nato nel 2006 in San Giovanni Teatino un paesino dell' Abruzzo situato tra Pescara e Chieti. L'idea di un'allevamento mi è sorta dopo l'acquisto di un Conuro del sole allevato a mano. Ero stupito dalle doti di questi splendidi animali, dalla loro curiosità, dai loro vivaci colori, e così decisi di acquistarne altri. Le numerose esperienze avute con questo hobby mi hanno fatto crescere e così ho imparato che anche le delusioni e le sconfitte fanno parte della vita di ognuno di noi. Dopo un percorso che mi ha visto impegnato inizialmente con il genere Ondulati e Calopsitte e poi con gli Agapornis (nigrigenis, roseicollis, fischer, e personatus) e successivamente con i Bolborhynchus, Parrocchetti splendidi, Forpus e Parrocchetto veloce( swift parrot), tra sconfitte e grandi risultati ho fatto riprodurre anche Conuri del Sole e Lori. Ho partecipato anche ad alcune mostre dove sia con i Bolborhynchus e sia con i Lori ho ottenuto risultati soddisfacenti con un 2° ed un 1° posto. Attualmente nel mio allevamento sono presenti oltre agli immancabili Agapornis anche Lori e Conuri del Sole.

lunedì 23 luglio 2012

Disponibilità anno 2012

Disponibilità 2012!!!

4 Agapornis Roseicollis di cui 2 soggetti lutini, uno verde ancestrale e uno verde oliva. Chiunque fosse interessato scriva a paolo91dg@libero.it

In foto due dei quattro soggetti disponibili:


venerdì 29 giugno 2012

Pappagalli aggressivi

 
Vi è capitato di pensare: "il mio pappagallo di punto in bianco è impazzito! Fino a ieri era buonissimo e ora morde le mani appena le vede". Rassicuratevi, il vostro pappagallo non è impazzito! Sta comunicando che è arrivato il momento di usare modi alternativi per approcciarsi a lui.

I motivi per cui un pappagallo può scegliere l’aggressione come forma comunicativa sono molteplici, ad esempio per irritazione, per invasione degli spazi personali, perché impara a comunicare con il morso, per risposta a dolore fisico, ma può anche aggredire per paura o per difendere un territorio.

Quando si interagisce con un pappagallo, bisogna sapere innanzitutto che è un animale sociale ma anche una preda perciò gradirà molto la compagnia del suo amico umano se verranno rispettate determinate regole di approccio e convivenza.

Se il nostro pappagallo da pullus è facilmente “maneggiabile” da tutti, accetta carezze, e può essere preso in mano (fase funzionale alla sopravvivenza) è molto probabile che con il passare dei mesi questo non sia più possibile perché inizia la fase in cui l’animale acquisisce la sua individualità: ha perciò bisogno dei suoi spazi ed è importante che gli avvicinamenti avvengano senza invasioni, con rispetto dei tempi di approccio.

L’ideale sarebbe educarlo gradualmente fin da piccolo a salire sulla mano in collaborazione, senza utilizzare forzature come toccare il petto con il dito sbilanciandolo, ma piuttosto proponendogli qualcosa di gradevole da mangiare o da fare (ad esempio un bel gioco).

La loro comunicazione è molto complessa e ricca, comprende i movimenti delle penne, degli occhi, della testa, la posizione delle ali, del baricentro, del becco e prima di arrivare a morderci non c’è alcun dubbio che gli avvertimenti siano stati molti, il problema è che la maggior parte delle volte non sappiamo comprenderli.

Se avviciniamo le mani per chiedergli di salire o per coccolarlo e il peso del corpo del nostro pappagallo si sbilancia all’indietro allontanandosi o indirizza il becco verso la mano, e morde all’inizio senza stringere, sono già ottimi messaggi del pappagallo che ci sta dicendo “quello che stai facendo non è di mio gradimento, puoi smettere?”.

Non ascoltando questo messaggio il pappagallo proverà a dircelo con più incisività, probabilmente scappando più velocemente o mordendo più forte.

In realtà la cosa migliore è fermarsi appena si notano le prime avvisaglie di fastidio, non impuntarsi sul “deve farlo!”, per pensare invece a come diventare interessante e a quale attività o gioco proporgli.

Questo è l’approccio corretto, non forzare e far in modo che sia lui a scegliere noi. Far scegliere l’animale darà la possibilità di creare una relazione di fiducia in cui il pappagallo non farà il minimo indispensabile per accontentarci ma sarà lui stesso propositore di momenti sociali.


- Dott.ssa Sara Mainardi Naturalista e Educatrice relazionale e comportamentale,
  Bau Boys-SIUA

lunedì 26 dicembre 2011




martedì 26 luglio 2011

DISPONIBILITA' 2011



DISPONIBILI CONURI DEL SOLE
ALLEVATI A MANO E NON




domenica 24 aprile 2011

Premi




domenica 3 aprile 2011

Pappagalli in Italia

sabato 1 gennaio 2011

Buon 2011


Vi auguriamo di trascorrere un anno meraviglioso!!!

Grazie per aver visitato il nostro sito

Grazie per aver visitato il nostro sito